tolleranza

La tolleranza è un concetto applicabile in molte aree dell'esistenza umana e pertanto presenta alcune caratteristiche specifiche. L'origine del termine tolleranza ha le sue radici nell'industria medica ed è stata utilizzata per caratterizzare l'assenza o la perdita di sensibilità del corpo a qualsiasi fattore (antigeni, farmaci, effetti fisiologici).

La tolleranza medica è l'assenza di una reazione o di una reazione quasi non espressa, in termini approssimativi, la tolleranza completa è la morte, quando il corpo non risponde completamente alle influenze, non resiste, ma le prende solo in sé. Ma dal campo medico, il concetto si è spostato nel campo delle relazioni umane, con il quale ha iniziato a relazionarsi non con la mancanza di reazione, ma con il grado di pazienza ed è spesso usato come sinonimo di tolleranza. La tolleranza ha l'uso più diffuso tra le grandi masse proprio nell'aspetto sociale e riflette la tolleranza per le manifestazioni di altre persone, i modi di organizzare la propria vita e il mantenimento di concetti filosofici e religiosi selezionati.

La tolleranza non è l'indifferenza al comportamento degli altri, ma la capacità di consentire agli altri di condurre una vita diversa dalla propria e di accettarli come tali.

Significato della parola tolleranza

Questo concetto è utilizzato nel campo della finanza e della tecnologia ed è designato come la deviazione consentita (nel peso della moneta o nella dimensione della parte), che non influisce in modo significativo sul valore e sulla funzionalità.

In psicologia, la tolleranza è vista come un segno di maturità personale e fiducia. L'accettazione di altre nazioni, le loro tradizioni e abitudini, capacità di comprensione e rispetto per le altre culture è possibile con una capacità sviluppata di analisi, apertura a nuove esperienze e manifestazioni dell'anima, senza ricorrere alla competizione o imporre le proprie basi. Solo uno che ha fiducia in se stesso è in grado di ascoltare l'altro e cercare di capire che in una persona di un'organizzazione piatta, le differenze causano paura o odio , che in ogni caso provoca confronto. La tolleranza sociale non è sinonimo di tradimento dei propri interessi, condiscendenza o politica di non interferenza, non tollera l'imposizione di sé, ma non tollera altre ingiustizie sociali.

Che cos'è la tolleranza? Il significato della parola è presentato da molte fonti come sinonimo di tolleranza. Da ciò che era più interessato alla persona e in quale area veniva studiato il concetto, si poneva l'accento sulla tolleranza religiosa, sociale, nazionale o di altro tipo. Come la tolleranza, la tolleranza non è una qualità che caratterizza il lato attivo ed efficace di una persona, è passiva e mirata ad accettare l'ambiente e le manifestazioni degli altri. Sebbene, a differenza della tolleranza religiosa, che è principalmente rivolta alla compassione e alla misericordia di un credente, è precisamente accettazione e umiltà con i vizi degli altri, la tolleranza è un costrutto più rigido nella sua forma comportamentale.

La tolleranza è consapevole ed è la scelta attiva della persona, che si manifesta, influisce su entrambi i partecipanti al processo, ad es. è impossibile tollerare gli altri e non pretendere da loro lo stesso atteggiamento. Una persona che professa i principi dell'adozione del comportamento e delle scelte di tutti sarà estremamente sorpresa dalla censura dei suoi giudizi e concetti di vita, e quando cercherà di imporre gli altri o proibirli, resisterà. È proprio in questo che la posizione attiva del concetto è piuttosto passiva a prima vista, così come nel sostenere l'uguaglianza sociale, che è una manifestazione di tolleranza di fronte a una violazione del valore umano.

Per comprendere questo termine, si possono usare quattro piani principali: come indifferenza alla manifestazione di un altro, come rispetto in assenza di comprensione delle opinioni dell'altro, come atteggiamento condiscendente che esclude rispetto, come possibilità di scoprire qualcosa di nuovo in sé attraverso l'assunzione dell'esistenza di un altro.

In psicologia, la tolleranza è considerata come un indebolimento o una scomparsa della risposta della psiche a livello comportamentale ed emotivo a un fattore sfavorevole. Il concetto è diverso dall'adattamento , perché implica un cambiamento nel mondo circostante, i modi di interagire con esso o te stesso per ridurre l'impatto negativo, mentre la tolleranza non interferisce attivamente con i processi distruttivi, ma si manifesta con un cambiamento nel grado di risposta. Quindi, una persona che urla costantemente all'inizio sarà spaventata, ma se nulla cambia, nel tempo l'aumento della voce cesserà di causargli emozioni o ridurne significativamente l'ampiezza. Per molti aspetti, il concetto di tolleranza in psicologia è associato a un'abitudine o a una stabilità sviluppata nella precedente esperienza di una persona, e anche il sistema di educazione e la società circostante lasciano una certa impronta. La formazione della tolleranza avviene sia consciamente dalla persona stessa che inconsciamente, tenendo conto dell'atteggiamento degli adulti significativi.

In generale, il significato della parola tolleranza trasmette il desiderio di tolleranza, perdono, accettazione con tutte le peculiarità e le carenze, il desiderio di cooperazione e interazione, il rispetto sincero per la persona e il riconoscimento dei suoi diritti e libertà alla pari con i suoi. Inoltre, a seconda del tipo di tolleranza, ci sono alcuni dettagli che correggono il quadro, ma non si discostano dai principi generali sopra indicati, approvati dalle basi legislative di molti paesi e che rappresentano il concetto principale delle Nazioni Unite e dell'UNESCO.

Tipi di tolleranza

Nonostante le varie aree di utilizzo del termine, molti tipi di tolleranza sono determinati esclusivamente nella sfera socio-psicologica, perché nella sfera tecnica e medica, tutto è regolato in modo più rigoroso.

Nel campo delle relazioni, a seconda della struttura, dell'orientamento e, di conseguenza, della manifestazione, la tolleranza può essere:

- politico (atteggiamento rispettoso delle autorità nei confronti dei membri della società che hanno opinioni contrastanti e volontà di accettare e consentire l'emergere di altre idee e pensieri tra i propri sostenitori);

- pedagogico (atteggiamento tollerante ed equivalente, indipendentemente dal livello intellettuale e dal grado di istruzione ricevuto);

- età (mancanza di giudizi sulla personalità, le sue qualità e capacità basate sulla sua età, che è spesso violata quando si spiega l'inammissibilità di un atto durante l'infanzia);

- religioso (atteggiamento amichevole e rispetto per altre fedi, religioni, credenze, culti, sette, atei, ecc., pur seguendo il proprio percorso scelto);

- per le persone con disabilità (riconoscimento della pienezza della personalità e delle sue manifestazioni, non per un senso di pietà, ma per rispetto e comprensione delle pari manifestazioni spirituali e personali di ciascuno);

- genere (parità di trattamento dei rappresentanti di diversi sessi, stessi diritti, doveri e opportunità, sia in termini di istruzione che di carriera, nonché espressione di volontà e rappresentanza.

Nell'aspetto psicologico, si distingue la tolleranza naturale (anche chiamata naturale), che è inerente inizialmente a tutte le persone, ma che passa con l'età. È dovuto al fatto che nella percezione (la prima) del bambino, inizialmente non c'è separazione di se stessi dal mondo (se qualcosa fa male, allora sembra che tutto il mondo faccia male), e ancor di più l'opposizione della propria personalità all'ambiente. Il bambino accetta le richieste e le manifestazioni degli altri a causa della sua debolezza in una sopravvivenza indipendente separata, che rende necessario adattare e sopprimere alcune delle sue stesse manifestazioni.

La tolleranza personale si basa su significati interni e sulla comprensione del valore di dare agli altri il diritto di realizzare il proprio potenziale in qualsiasi modo scelto e il rispetto per questa scelta. È questa caratteristica interna che è il regolatore nella costruzione delle relazioni sociali, ma allo stesso tempo è un indicatore diagnostico dell'ambiente in cui la persona è stata allevata. È la formazione della tolleranza nella società che è la condizione per lo sviluppo di questa qualità e la capacità di una vasta percezione del mondo.

Dalla tolleranza personale, il sociale sta maturando, caratterizzando non solo l'atteggiamento della persona stessa verso un certo fenomeno, ma piuttosto il sistema di comportamento e l'instaurazione di legami sociali, il mantenimento dell'equilibrio sociale. La principale garanzia di un'esistenza pacifica e di uno sviluppo confortevole per ogni individuo è di essere in una società tollerante, e mantenere un livello decente di accettazione di persone diverse è la preoccupazione di ogni persona matura, mostrando così la propria tolleranza sociale. Dalla strategia di costruzione dei contatti sociali, gli aspetti morali e morali della tolleranza sono condivisi.

La tolleranza morale si manifesta nel seguire le norme predefinite dalla società o inerenti alla persona stessa secondo le sue convinzioni interiori ed è espressa nel limitare le proprie emozioni e manifestazioni di pazienza. Inoltre, questo comportamento è regolato dall'attività cosciente e dalla saggezza della logica, non sempre avendo corrispondenze emotive e spirituali sotto se stessi (puoi infinitamente infastidirti e arrabbiarti all'interno, ma le manifestazioni comportamentali esterne non violeranno le norme di moralità e compiacenza).

La tolleranza morale, che sembra essere simile alla morale, è intrinsecamente il suo antipode, dal momento che una persona cerca di comprendere e accettare internamente il comportamento e la motivazione delle azioni di un'altra persona, cerca di percepire i principi dell'altra come propri, che fornisce una guida per un comportamento rispettoso e dignitoso lato del controllo esterno, ma dalla motivazione interna. Quindi il processo stesso è più sincero e più facile, senza il violento controllo delle reazioni emotive di una persona, è la tolleranza morale che aiuta a capire un'altra persona e trovare un terreno comune dentro e fuori le situazioni di conflitto, mentre i meccanismi precedenti riguardano più la prevenzione del conflitto che il superamento.

La tolleranza etnica si basa sull'accettazione delle differenze interculturali, senza sminuire, violare o imporre il proprio modo di pensare. Nonostante le differenze cardinali nelle abitudini, una persona con tolleranza etnica non considererà selvaggia la morale di qualcuno, ma piuttosto mostrerà interesse per loro o troverà qualcosa di simile alle sue abitudini. Per domare, educare o subordinare alle leggi la manifestazione di questo tipo di tolleranza è la più difficile e, forse, può avere solo un lato esterno, strettamente controllato da meccanismi coscienti. Tali difficoltà sono dovute alla presenza dell'accettazione etnica da parte della percezione di questo tipo di differenze a livello subconscio, in cui l'atteggiamento verso i diversi come estranei è geneticamente incorporato. Nei tempi antichi, le persone si distinguevano fenotipicamente, divise in clan, da sole e da altre. E ora, nonostante l'idea di uguaglianza e fratellanza, che è stata intensamente resa popolare, il meccanismo millenario risponde con un segnale "sconosciuto", che dovrebbe essere trattato almeno con cautela.

In questo caso, si verifica una miscela piuttosto rapida di geni, nazionalità e razze, specialmente nelle megalopoli, e le persone affrontano il problema della propria identità etnica. Il ritmo della vita, la possibilità di un rapido cambio di luogo di residenza e, di conseguenza, la parte prevalente di una certa cultura, aiuta ad aumentare la tolleranza etnica.

Il grado di manifestazione della tolleranza è basso (incapacità di mostrare pazienza e un atteggiamento positivo non solo verso determinate qualità, ma verso il mondo e l'umanità, una persona è infastidita e infuriata, di cui non si stanca di avvisare gli altri), media (quando una persona è in grado di esprimere la pazienza con i suoi avversari , per ammettere che gli piace la comunicazione e per chiarire che capisce quelli con cui ha incontrato), alto (quando c'è una completa accettazione dell'altro e dalla comunicazione si ottiene molto piacere e conforto psicologico).

Nutrire la tolleranza

La tolleranza e le sue basi non sono state inventate artificialmente, sono sorte insieme alla formazione della società, ai suoi valori e priorità. Sulla base dei punti più importanti che non richiedono una definizione e una spiegazione della loro importanza, vengono evidenziati i criteri che costituiscono la tolleranza. E tutti questi criteri per la sua formazione sono indiscutibili valori intrinseci in ogni angolo del mondo e per qualsiasi persona, inclusi vita, salute, libertà, famiglia. Diventando i valori interni di ogni persona e i valori della società, sono il fondamento unificante in cui tutte le differenze scompaiono. E se voglio che la mia libertà sia rispettata, allora non violerò quella di qualcun altro. Gli stessi requisiti per tutti e per se stessi sono nella fase di formazione della tolleranza, esperienza sincera dei bisogni e dei valori di un'altra persona, la capacità di empatia rendono questo processo meno meccanico e formale e gli danno un tocco personale.

Sperimentiamo più attenzione, sentimenti e tolleranza per quei luoghi e persone che hanno qualcosa a che fare con la nostra vita. Potresti assolutamente non preoccuparti di ciò che accade ai libici, ma se il tuo buon amico lavora lì da una missione delle Nazioni Unite, allora ascolterai il rapporto successivo da lì con meno indifferenza. Sulla base di un tale meccanismo della nostra psiche, è possibile sviluppare la tolleranza incontrando un rappresentante di un'altra cultura, idealmente, se diventa tuo amico o coniuge, il livello di tolleranza nei confronti di queste persone salirà alle stelle. Aiuta a viaggiare e ad andare al lavoro per qualche tempo in altre regioni. I primi soggiorni, ovviamente, cadranno nello shock, ma più tali sortite saranno, più la varietà della vita umana sarà compresa. Le persone nomadi o i viaggiatori eterni, le hostess o le guide sono praticamente prive di pregiudizi riguardanti una particolare nazionalità, età e molto altro. Tutto ciò è dovuto al fatto che una persona vede molte persone diverse e smette di valutarle, a partire dal sistema vaccinato, e ogni volta si concentra direttamente sulla situazione e sul comportamento di una determinata persona, anche se è follemente simile e rientra in una categoria.

Ma non tutti svilupperanno la propria tolleranza in modo così indipendente e la sua educazione inizia con la società. La società è soggetta ad alcune leggi, quindi lo stato dovrebbe prendere parte allo sviluppo della tolleranza. È necessario creare un quadro legislativo equo che rispetti gli uguali diritti di tutti i rappresentanti dell'umanità, mentre l'attenzione principale dovrebbe essere rivolta alle convenzioni internazionali sulla protezione dei diritti umani. Controllo sui media, soggetti alle loro libertà e copertura di eventi, ma soggetti alla mancanza di propaganda o trattamento dispregiativo, presentazione o feedback su qualsiasi gruppo di popolazione.

Ma il ruolo che lo stato può svolgere è trascurabile e risulta inefficace in assenza della necessaria educazione, perché la sfera delle relazioni tra le persone e l'ampiezza degli orizzonti e la possibilità di adozione è un problema educativo e si forma nell'ambiente immediato di una persona (genitori, educatori, vicini di casa, parenti, amici). Non in tutte le scuole, il processo educativo si svolge da una prospettiva umanistica, sostenendo l'unicità di ogni individuo. Sempre più richieste vengono fatte per soddisfare determinati standard e punizioni pubbliche o umiliazioni per una persona diversa dai numeri scritti dagli zii nel ministero.

La ristrutturazione del processo di apprendimento con l'integrazione di vari campi dell'arte, utilizzando l'esperienza di diversi popoli, espande i confini dell'accettazione e mostra che ognuno ha valore e che tutti possono imparare. L'introduzione dello studio di varie lingue massimizza il contatto con un'altra cultura, aiuta la sua comprensione globale. Secondo molti studi, senza la conoscenza della lingua è impossibile studiare completamente un'altra cultura, anche dopo aver letto tutte le informazioni disponibili al riguardo. Nelle lezioni della storia, puoi smettere di nascondere aspetti della multinazionalità dello stato e iniziare a parlare apertamente dell'orientamento omosessuale di molte figure storiche significative. La distorsione dei fatti distorce la percezione e, di conseguenza, otteniamo una generazione che è cresciuta con pregiudizi introdotti nelle loro teste, per il quale in seguito è difficile per loro costruire la propria vita.

Con il suo esempio, vale la pena dimostrare rispetto per l'opinione, la scelta e le azioni del bambino, dopo aver appreso questo fin dall'infanzia e considerandolo la norma, una persona rispetterà gli altri. Sostituisci le critiche con gli interessi, trasforma i conflitti in interazioni e sostituisci i rimproveri con l'aiuto: è attraverso l'addestramento di tali nuove strategie di comportamento nella vita di tutti i giorni che puoi aumentare la tolleranza generale della società. Un atteggiamento tollerante nasce dal mondo interiore di ciascuno e da quell'esperienza che una persona ha ricevuto durante la vita. Se hai poca esperienza di accettarti per quello che sei, molto probabilmente sarai in grado di padroneggiare perfettamente le strategie di manipolazione, travestimento, sottomissione e dominio, ma non ci sarà spazio per prendere l'esperienza e il potere dell'accettazione, perché ciò non è accaduto nella foto del mondo. Inoltre, chiedere l'accettazione da parte di qualcuno non è una manifestazione di tolleranza, perché in questo momento tu stesso non accetti una persona, costringendolo ad accettarti.

Processo reciproco, rilevando correlato all'età e qualsiasi altra differenza, quando l'opinione del bambino e del genitore sono ugualmente importanti, l'accettazione e il rispetto si formano, inoltre, in entrambi e influenzano indirettamente tutti coloro che vengono a contatto con loro nella vita.

Pro e contro della tolleranza

Sembra che i vantaggi della tolleranza siano innegabili, perché così tante persone non possono lavorare sul suo sviluppo, educazione, manutenzione in altro modo. Congressi e insegnanti scolastici di tutto il mondo ne parlano tutti, ma vale la pena esaminare più in dettaglio le conseguenze di questo fenomeno.

I benefici della tolleranza nel mantenere l'umanità ed evitare scontri violenti. Questa capacità ti consente di imparare a superare le situazioni difficili e le tue paure attraverso interazioni efficaci e la ricerca di interessi comuni - di solito questo porta a uno scambio di esperienze e alla nascita di qualcosa di completamente nuovo, impossibile senza combinare idee diverse di persone diverse. Questo è un trasferimento infinito di esperienza e conoscenza, la capacità di trarre informazioni e dare uno sguardo nuovo al mondo. Oltre alle gioie informative, la tolleranza contribuisce alla propria pace mentale e allo sviluppo, dal momento che puoi innervosirti a causa delle differenze indefinitamente, avere un esaurimento e andare in un ospedale psichiatrico, che non ti salverà dalle convinzioni interiori che impediscono di vivere nella società. Senza provare irritazione o odio verso le persone, abbiamo più posti dove rivolgersi per chiedere aiuto, siamo saturi di opinioni diverse sulla stessa situazione e questo aiuta a cercare soluzioni nuove e corrette.

La tolleranza contro esiste anche perché, come ogni idea, ha i suoi punti ciechi e punti deboli. Spesso, usando le idee per sviluppare la tolleranza, nascondendosi dietro buone idee e intenzioni, le persone manipolano gli altri. È vero a livello di paesi e nella realizzazione di un'idea nella coscienza, a livello di interazione personale e di pompare comportamenti utili dagli altri. Anzi, per non sembrare intolleranti e bassi, ci sforziamo di prenderci cura e alcuni lo usano. Qui è coinvolto un sottile senso di spigolo, quando tratti davvero una persona con rispetto e quando cedi alle manipolazioni, non è facile. Inoltre, alcune manifestazioni di tolleranza sembrano indifferenza. Certo, vale la pena lasciare che la persona decida il proprio destino e che faccia delle scelte, ma se la madre si siede e guarda suo figlio drogarsi attraverso le vene, questa non è tolleranza, ma stupidità.

Probabilmente, i principali svantaggi della tolleranza sono che hanno deviato una buona idea con cattivi significati, hanno iniziato a chiedere e rosicchiare dal cuore, oltre agli slogan diffusi, da cui vuoi solo chiedere: "Perché le buone azioni non possono essere più tranquille?" Molte manipolazioni e la copertura di cose lontane dall'essere etiche con questo concetto hanno sviluppato una relazione con lui sulla manipolazione per abbandonare i propri interessi. Ma vale la pena ricordare che si tratta di un processo reciproco, bilaterale, sincero e in corso.

Visualizzazioni: 15 949

1 commento su tolleranza

  1. Grazie per l'articolo, sto facendo un rapporto scolastico sulla tolleranza - mi ha aiutato molto!

Lascia un commento o fai una domanda a uno specialista

Una grande richiesta a tutti coloro che fanno domande: leggi prima l'intero ramo dei commenti, perché, molto probabilmente, in base alla tua o simile situazione, c'erano già domande e risposte corrispondenti di uno specialista. Le domande con un gran numero di errori di ortografia e altri errori, senza spazi, segni di punteggiatura, ecc. Non saranno prese in considerazione! Se vuoi ricevere una risposta, prenditi la briga di scrivere correttamente.