razionalizzazione

La razionalizzazione è un modo per spiegare i meccanismi di risposta del mondo esterno e interno da una posizione razionalmente determinata sviluppata durante una collisione con sovraccarichi psico-emotivi. I punti più rilevanti sono situazioni di assenza di una componente cosciente, quando la situazione ha una natura inconscia o incontrollabile. Si riferisce al meccanismo protettivo, a causa dell'uso del pensiero solo in parte delle informazioni percepite dalla realtà, e dell'adattamento del risultato dell'analisi in modo che il comportamento agisca come un atto controllato e pertinente.

La razionalizzazione è un meccanismo protettivo che implementa un tentativo di spiegare comportamenti incomprensibili o inaccettabili non spiegati dalla coscienza o giustificare un'offesa, un errore, nel desiderio di mantenere l'autostima e l' autostima positiva. L'emergere di questo tipo di protezione è correlato all'accentuazione dei tratti ossessivi e individualistici della personalità. Tuttavia, essendo la più diffusa, in termini di indicatori numerici di occorrenza, forma di protezione contro la frustrazione , la razionalizzazione è stata utilizzata da tutti, procedendo in una forma delicata o approfondita. Il desiderio fondamentale di prevedibilità di reazioni emotive ed efficaci, per la stabilità del sistema circostante, così come il significato della desiderabilità sociale, richiede l'emergere della razionalizzazione come il modo socialmente più accettabile ed evolutivamente rilevante di proteggere la psiche.

Razionalizzazione in psicologia

La razionalizzazione in psicologia è un termine introdotto da Z. Freud, e successivamente un intero concetto, lo sviluppo in cui è stato coinvolto A. Freud. La razionalizzazione ha lo scopo di evitare conflitti intrapersonali spiegando gli eventi che si sono verificati dal punto di vista della scelta cosciente, mentre in realtà le azioni e le scelte sono state eseguite non dalla parte di controllo della coscienza, ma sotto la guida di motivi inconsci.

La razionalizzazione è un meccanismo protettivo che consente di nascondere pensieri e sentimenti spiacevoli o discutibili non solo dalla società, ma anche da se stessi. Essendo il meccanismo più comune per proteggere la psiche da momenti frustranti, la razionalizzazione non ha nulla a che fare con l'inganno intenzionale o i tentativi di giustificarsi. L'intero meccanismo d'azione si svolge al di fuori del controllo della coscienza, ma può avere una logica e avere argomentazioni abbastanza sostanziali. Tuttavia, nella costruzione dei concetti di razionalizzazione c'è solo una piccola parte della verità, e il resto è sostituito dalla fantasia e dalla sostituzione dei concetti, che rappresentano una minaccia per la personalità di una persona.

Il mondo del razionalizzatore è semplice, strutturato, prevedibile, la persona stessa è fiduciosa, con maggiore autostima e conservata autostima . Con questo approccio, viene interrotta una connessione vivente con la realtà e nuove fonti di esperienza, che spesso provengono da sensazioni dolorose, sono inaccessibili. La personalità stessa della persona viene impoverita, da cui vengono eliminate tutte le abilità, i sentimenti e i desideri negativi (relativi alle credenze della persona), ma forse abbastanza utili (evolutivi).

La razionalizzazione in psicologia è un concetto che è abbastanza ampio nello spettro della manifestazione - dal meccanismo protettivo della psiche di una persona normale (che non influisce in modo significativo sul corso della vita e dello sviluppo) ai sintomi di una clinica psichiatrica, come uno dei tipi di delirio (quando la base di prove, basata su costruzioni logiche, mira a mantenere il delirio concetto paziente).

La difficoltà nel lavorare con questo tipo di reazione mentale dipende dallo stadio delle credenze di razionalizzazione. In alcuni casi, può essere abbastanza facile mostrare a una persona la inverosimile argomentazione da lui fornita, dopo di che arriva il lavoro con esperienze traumatiche che si nascondono dietro spiegazioni non vere della situazione. E ci sono momenti in cui la contestazione logica e la presentazione di fatti non danno alcun risultato. In questa variante, i momenti di razionalizzazione sono strettamente associati all'immediata sicurezza del sé umano, o custodiscono la profonda esperienza traumatica. Se esiste una resistenza così forte, non ha senso rompere la difesa con la forza, poiché esiste un'alta probabilità che la psiche non abbia attualmente le risorse necessarie per integrare l'esperienza che dovrà essere sperimentata se si rimuove l'otturatore protettivo. In questo contesto, ha senso lavorare prima sulla ricerca di risorse e selezionare attentamente l'area traumatica, concentrandosi sulla volontà del cliente di contattare le proprie esperienze.

I metodi di razionalizzazione hanno due manifestazioni: una persona o si giustifica o cerca spiegazioni in fattori non correlati alla sua persona (circostanze, azioni altrui). Qualunque sia la direzione (rispetto al mondo interiore o ai fattori esterni) la razionalizzazione, vale la pena ascoltare la realtà per cogliere il momento in cui questo meccanismo acquisisce volumi seri e diventa impenetrabile con una semplice conversazione e indicando fatti. Dovresti anche prestare attenzione all'uso a lungo termine della razionalizzazione per alleviare il dolore al posto di casi ripetuti o relativi al mondo intero, come modo di esistere. In tali casi, vale la pena dare un'occhiata agli psicoterapeuti, il cui compito principale quando si rimuove la razionalizzazione è dimostrare che il mondo reale non è così terribile e che le azioni e i desideri veri non porteranno a cataclismi globali. Che puoi vivere una persona felice, con difetti, emozioni negative, pensieri aggressivi: devi solo vedere quante persone vivono così e trovare il tuo modo di organizzare lo spazio circostante in modo che il mondo o la persona stessa non siano ripugnanti per se stessi.

Razionalizzazione in psicologia - esempi dalla vita

La razionalizzazione nella vita sembra una ricerca di significati e spiegazioni anche in quei momenti in cui vale la pena fidarsi della situazione, cogliere l'occasione o concentrarsi sul sentimento. Questo è un modo per evitare l'ansia e mantenere un senso immaginario di conforto. Uno degli esempi comuni sembrerà una ricerca di significato nel viaggiare con persone strane in un paese sconosciuto quando si tratta di ampliare i propri orizzonti, la propria comunicazione ed esperienza emotiva. L'ansia per l'anticipazione di uno nuovo ti fa cercare come sarà utile a una persona per il suo lavoro o migliorare le sue abilità. In assenza di razionalizzazione dell'ansia e riconoscimento del fatto della sua presenza, una persona analizzerà molto probabilmente i possibili rischi, preparerà momenti particolarmente emozionanti o rifiuterà un evento se al momento non è in grado di far fronte a tutte le possibili difficoltà.

La razionalizzazione può anche manifestarsi nello spiegare il proprio comportamento contrario agli standard etici o morali. Ad esempio, camminando oltre quello che giace sul marciapiede, lo spieghiamo con il fatto che, molto probabilmente, è un alcolizzato, e quando prendiamo una bustarella, ci giustificiamo con il fatto che tutti lo fanno e generalmente non comprano nuovi stivali senza questi soldi, ma l'inverno è già. Il desiderio di spiegare i propri fallimenti con fattori esterni ha lo scopo di spostare la responsabilità del fallimento su fattori esterni e quindi mantenere un senso di dignità e autostima. È possibile creare un intero sistema di prove del fatto che il rimprovero è stato ricevuto a causa del cattivo umore del capo, e anche che tutti coloro che sono arrivati ​​al bilancio hanno dato una bustarella o hanno una palese. In tali storie, una persona sembra una vittima innocente del terribile mondo che lo circonda e non una persona pigra che non ha rispettato i termini del progetto o che non si stava preparando per gli esami.

Anche con un atto esternamente positivo, possiamo incontrare razionalizzazione se chiediamo a una persona veri motivi. Nel caso in cui risultino negativi o riprovevoli o entrino in conflitto con le idee interne di se stessi, una persona produrrà un granello di verità e una razionalizzazione armoniosa.

Questo meccanismo rende difficile notare la realtà, analizzarla e trarre conclusioni, acquisire esperienza per la vita futura. Vivendo in un mondo illusorio del proprio benessere e prevedibilità del mondo, una persona incontra inevitabilmente eventi che si rivelano più forti di questo meccanismo di difesa e quindi il colpo è schiacciante, perché l'abilità di superare il negativo non si è sviluppata. E quando le pareti protettive crollano, si scopre che devi imparare ad accettarti come imperfetto, e talvolta terribile, per venire a patti con il fatto che puoi spiegare alcune delle tue reazioni e azioni dopo aver scavato a lungo sulla psicoterapia e imparare a vivere in un mondo imprevedibile dove non hai controllo su tutto ciò che accade.

Visualizzazioni: 4 476

Lascia un commento o fai una domanda a uno specialista

Una grande richiesta a tutti coloro che fanno domande: leggi prima l'intero ramo dei commenti, perché, molto probabilmente, in base alla tua o simile situazione, c'erano già domande e risposte corrispondenti di uno specialista. Le domande con un gran numero di errori ortografici e di altro tipo, senza spazi, segni di punteggiatura, ecc. Non saranno prese in considerazione! Se vuoi ricevere una risposta, prenditi la briga di scrivere correttamente.