nichilista

Un nichilista è una persona che nega l'importanza dei valori generalmente accettati, sia morali che culturali. Il termine "nichilista deriva dal latino" nichil "e non significa" niente ". Il nichilista rifiuta tutti i principi, non riconosce le autorità a priori. Oltre a non essere d'accordo con valori e idee generalmente accettati, nega anche la significatività dell'esistenza umana. I nichilisti sono inclini al pensiero critico e allo scetticismo.

Chi è un nichilista

Il dizionario esplicativo contiene informazioni che un nichilista è un individuo che:

- nega il significato dell'esistenza umana;

- rovescia tutte le autorità riconosciute dai piedistalli;

- rifiuta i valori spirituali, gli ideali e le verità comuni.

Il nichilista reagisce in modo particolare agli eventi nel mondo che lo circonda, mostrando una reazione difensiva come disaccordo. La negazione da parte di un nichilista arriva spesso alla mania. Per lui, tutti gli ideali umani sono come fantasmi che limitano la libera coscienza dell'individuo e gli impediscono di vivere correttamente.

In questo mondo, un nichilista riconosce solo la materia, atomi che formano un certo fenomeno. Tra le principali cause del nichilismo ci sono l' egoismo e un senso di autoconservazione che non conosce il sentimento dell'amore spirituale. I nichilisti sostengono che tutto ciò che è creativo è una sciocchezza inutile e pretenziosa.

In psicologia, un nichilista è visto come una persona che ha disperato di cercare le cause e il significato dell'esistenza sulla terra.

Nelle disposizioni concettuali di E. Fromm, il nichilismo è presentato come un meccanismo di difesa psicologica . Fromm credeva che il problema principale di un individuo che non era venuto in questo mondo di sua spontanea volontà fosse la naturale contraddizione tra l'essere, così come il fatto che una persona, in possesso della capacità di conoscere se stesso, gli altri, il presente e il passato, va oltre la natura. Secondo E. Fromm la personalità si sviluppa nel perseguimento della libertà e nel perseguimento dell'alienazione. E questo sviluppo avviene aumentando la libertà, ma non tutti possono usare correttamente questo percorso. Di conseguenza, gli stati negativi e le esperienze mentali portano l'individuo all'alienazione e alla perdita di se stesso. Appare un meccanismo protettivo "fuga dalla libertà", che porta l'individuo al distruttivismo, al nichilismo, al conformismo automatico, al desiderio di distruggere il mondo in modo che il mondo non lo distrugga.

V. Reich, analizzando l'aspetto e il comportamento dei nichilisti, li caratterizza come arroganti, cinici, audaci con un ghigno ironico. Queste qualità sono il risultato dell'azione del nichilismo come meccanismo protettivo. Queste caratteristiche sono diventate "armature di carattere" e sono espresse come " nevrosi di carattere". V. Reich afferma che i tratti nichilisti sono i resti di forti meccanismi di difesa in passato, separati dalle loro situazioni iniziali e diventano tratti caratteriali permanenti.

Un nichilista è una persona disillusa dalla vita e nasconde l'amarezza di questa delusione sotto le spoglie del cinismo . Ma fu proprio ai punti di svolta nella storia dell'umanità che i nichilisti erano la forza trainante dietro i cambiamenti e gli eventi, e la maggior parte dei portatori di visioni nichiliste erano giovani con il loro desiderio di massimismo.

Le opinioni dei nichilisti

La dottrina del nichilismo sorse nel XII secolo, ma fu presto considerata eretica e anatematica da papa Alessandro III.

Il movimento nichilista nel diciannovesimo secolo in Occidente e in Russia ottenne una portata particolare. Era associato ai nomi di Jacobi, Nietzsche, Stirner, Proudhon, Kropotkin, Bakunin e altri.

Il concetto stesso di "nichilismo" fu introdotto dal filosofo tedesco F.G. Jacobi. Il rappresentante più importante del nichilismo fu F. Nietzsche. Credeva che non ci fosse verità nel mondo e la sua esistenza è un'illusione di pensatori filo-cristiani.

Un altro famoso nichilista O. Spengler ha promosso l'idea del declino della cultura europea e della distruzione delle precedenti forme di coscienza.

S. Kierkegaard credeva che la crisi della fede cristiana fosse la ragione della diffusione del movimento nichilista.

In Russia nella seconda metà del diciannovesimo secolo apparvero più sostenitori del nichilismo, negando le basi esistenti della società. Hanno ridicolizzato l'ideologia religiosa e predicato l'ateismo.

Il significato della parola nichilista è più evidente nell'immagine di Evgenij Bazarov, l'eroe del romanzo di I. S. Turgenev “Fathers and Sons”. Un brillante rappresentante del suo tempo, ha espresso i cambiamenti sociali e politici che hanno avuto luogo nella società. Era un "uomo nuovo", un ribelle. Lo studente Bazarov descritto da Turgenev come un sostenitore della più "spietata e completa negazione". Innanzitutto, si oppose all'autocrazia, al servitù, alla religione - questo è tutto ciò che ha dato origine alla povertà nazionale, all'illegalità, all'oscurità, alla comunità, all'antichità patriarcale, all'oppressione familiare. Indubbiamente, questa negazione era di natura rivoluzionaria, tale nichilismo era caratteristico dei democratici rivoluzionari degli anni '60.

Tra i principali tipi di nichilismo nella società moderna, ce ne sono diversi.

Il nichilismo legale è la negazione delle leggi. Questo può portare all'inibizione del sistema legale, azioni illegali e caos.

Le ragioni del nichilismo legale possono avere radici storiche, derivano anche dall'incongruenza delle leggi con gli interessi dei cittadini, dal disaccordo delle persone con molti concetti scientifici.

Il nichilismo morale è una posizione metaetica che afferma che nulla può essere morale o immorale. I nichilisti suggeriscono che persino l'omicidio, indipendentemente dalle sue circostanze e ragioni, non può essere considerato una cattiva o buona azione.

Il nichilismo giovanile, così come il massimalismo giovanile, sono espressi da vivide emozioni nella negazione di tutto. La personalità in crescita spesso non è d'accordo con le opinioni, le abitudini e lo stile di vita degli adulti e cerca di proteggersi dalla negatività della vita reale. Questo tipo di nichilismo è spesso inerente non solo ai giovani uomini, ma anche alle persone emotive di tutte le età ed è espresso in vari campi (nella religione, nella cultura, nei diritti, nella conoscenza, nella vita pubblica).

Il nichilismo mereologico è abbastanza comune oggi. Questa è una posizione filosofica che insiste sul fatto che non esistono oggetti costituiti da parti, ma solo oggetti di base che non sono costituiti da parti. Ad esempio, un nichilista è sicuro che la foresta non esiste come oggetto separato, ma come moltitudine di piante in uno spazio limitato. E che il concetto di "foresta" è stato creato per facilitare il pensiero e la comunicazione umana.

Il nichilismo geografico ha iniziato a emergere relativamente di recente. La sua essenza risiede nella negazione e nell'irragionevolezza dell'uso illogico delle caratteristiche geografiche di parti del mondo, nella sostituzione di direzioni geografiche nord - est - sud - ovest e parti geografiche del mondo con l'idealismo ideologico culturale.

Il nichilismo epistemologico è una forma di scetticismo che fa sorgere dubbi sulla possibilità di raggiungere la conoscenza. Nacque come reazione all'obiettivo ideale e universale dell'antico pensiero greco. I sofisti furono i primi a sostenere lo scetticismo. Dopo qualche tempo, fu formata una scuola che negava la possibilità di una conoscenza perfetta. Quindi il problema del nichilismo era già chiaro, consistente nella riluttanza dei suoi sostenitori ad ottenere le conoscenze necessarie.

Il nichilismo popolare oggi è culturale. La sua essenza è la negazione delle tendenze culturali di tutte le sfere della società. Russo, Nietzsche e gli altri fondatori della controcultura negarono completamente l'intera civiltà occidentale, così come la cultura borghese. La più grande critica cadde sul culto del consumismo della società di massa e della cultura di massa. I nichilisti sono sicuri che solo l'avanguardia sia degna di sviluppo e conservazione.

Il nichilismo religioso è una ribellione, una ribellione contro la religione, un atteggiamento negativo nei confronti dei valori sociali spirituali. Le critiche alla religione si esprimono in un atteggiamento pragmatico nei confronti della vita, nella spiritualità. Un tale nichilista è chiamato cinico , niente di sacro per lui.

Il nichilismo sociale si esprime in una varietà di manifestazioni. Questa è ostilità verso le istituzioni statali, le riforme, le proteste sociali contro varie trasformazioni, innovazioni e metodi di shock, disaccordo con varie decisioni politiche, rifiuto di un nuovo modo di vivere, nuovi valori e cambiamenti, negazione dei modelli di comportamento occidentali.

Tra gli aspetti negativi del nichilismo c'è l'incapacità di andare oltre le proprie opinioni, la mancanza di comprensione tra gli altri, opinioni categoriche, che spesso danneggiano lo stesso nichilista. Tuttavia, è positivo che il nichilista mostri la sua individualità, difenda la propria opinione, cerchi e apra qualcosa di nuovo.

Visualizzazioni: 449

Lascia un commento o fai una domanda a uno specialista

Una grande richiesta a tutti coloro che fanno domande: leggi prima l'intero ramo dei commenti, perché, molto probabilmente, in base alla tua o simile situazione, c'erano già domande e risposte corrispondenti di uno specialista. Le domande con un gran numero di errori ortografici e di altro tipo, senza spazi, segni di punteggiatura, ecc. Non saranno prese in considerazione! Se vuoi ricevere una risposta, prenditi la briga di scrivere correttamente.