moralità

La moralità è un concetto condizionale di regole, principi, valutazioni, norme, basato sul paradigma delle valutazioni del male e del bene, che si è formato in un certo periodo di tempo. Questo è un modello di coscienza sociale, un metodo per regolare il comportamento del soggetto nella società. Si sviluppa in forme individuali e sociali di relazioni soggettive.

Il concetto di moralità dal punto di vista considerato dagli psicologi è un frammento della psiche umana che si è formato a un livello profondo, che è responsabile della valutazione di eventi che si verificano su piani diversi con un valore buono e cattivo. La parola moralità è spesso usata come sinonimo della parola "moralità".

Cosa è morale

La parola "moralità" deriva dalla classica lingua latina. È formato dalla parola mos della parola latina che significa morale, costume. Riferendosi ad Aristotele, Cicerone, guidato da questo significato, formò le parole: "moralis" e "moralitas" - morale e morale, che divenne equivalente alle espressioni della lingua greca: etica ed etica.

Il termine "moralità" è principalmente usato per designare il tipo di comportamento della società come integrale, ma ci sono eccezioni, ad esempio, la moralità cristiana o la moralità borghese. Pertanto, il termine viene utilizzato solo per una popolazione limitata. Analizzando la relazione della società in epoche diverse dell'esistenza con la stessa azione, si dovrebbe notare che la moralità è una quantità condizionale, variabile in relazione all'ordine sociale accettato. Ogni nazione ha la sua moralità basata sull'esperienza acquisita e sulle tradizioni.

Alcuni studiosi hanno anche notato che regole morali diverse si applicano non solo a soggetti di diverse nazionalità, ma anche a soggetti appartenenti a un gruppo "straniero". La definizione di un gruppo di persone nel vettore "proprio", "alieno" avviene a livello psicologico della correlazione individuale di se stesso con questo gruppo in vari sensi: culturale, etnico e altri. Identificandosi con un gruppo specifico, il soggetto accetta le regole e le norme (moralità) che sono adottate in esso, considera tale stile di vita più equo che seguendo la moralità dell'intera società.

Una persona conosce un gran numero di significati di questo concetto, che viene interpretato da vari punti di vista in varie scienze, ma la sua base rimane costante - è la definizione di una persona delle sue azioni, le azioni della società in equivalente di "buono-cattivo".

La moralità viene creata sulla base del paradigma adottato in una particolare società, poiché le designazioni "cattivo o buono" sono relative e non assolute e la spiegazione della moralità o dell'immoralità di vari tipi di atti è condizionata.

La moralità, in quanto combinazione di regole e norme della società, si forma per un lungo periodo sulla base delle tradizioni e delle leggi adottate in una particolare società. Per fare un confronto, puoi usare l'esempio associato al rogo delle streghe: donne che erano sospettate di usare la magia e il Libro nero. In un periodo come il Medioevo, sullo sfondo delle leggi adottate, un'azione del genere era considerata un atto altamente morale, cioè buono. Nel moderno paradigma delle leggi adottate, tale atrocità è considerata un crimine assolutamente inaccettabile e stupido in relazione all'argomento. Allo stesso tempo, è possibile organizzare incidenti come guerre sante, genocidio o schiavitù. Nella loro era in una società particolare con le sue leggi, tali azioni erano prese come norma, erano considerate assolutamente morali.

La formazione della moralità è direttamente correlata all'evoluzione dei diversi gruppi etnici dell'umanità nella sua chiave sociale. Gli scienziati che studiano l'evoluzione sociale dei popoli considerano la moralità come il risultato dell'influenza delle forze dell'evoluzione sul gruppo nel suo insieme e su una persona individualmente. Sulla base della loro rappresentazione, le norme comportamentali prescritte dalla moralità cambiano durante l'evoluzione dell'umanità, garantendo la sopravvivenza delle specie e la loro riproduzione, contribuiscono al successo garantito dell'evoluzione. Insieme a questo, il soggetto costituisce la parte fondamentale "socialista" della psiche. Di conseguenza, un sentimento di responsabilità per ciò che viene fatto, un sentimento di empatia , senso di colpa.

Di conseguenza, la moralità è un certo insieme di norme comportamentali, che si forma per un lungo periodo di tempo, sotto l'influenza delle condizioni ambientali in un determinato momento forma un insieme di norme ideologiche stabilite che contribuiscono allo sviluppo della cooperazione umana. Mira anche ad evitare l'individualismo del soggetto nella società; la formazione di gruppi uniti da una visione del mondo comune. I sociobiologi considerano questo punto di vista in una serie di tipi di animali sociali; c'è il desiderio di cambiare il comportamento di coloro che si sforzano di sopravvivere e preservare la propria specie durante il periodo evolutivo. Il che corrisponde alla formazione della moralità, anche negli animali. Nell'uomo, le norme morali sono sviluppate in modo più sofisticato e vario, ma si concentrano anche sulla prevenzione dell'individualismo nel comportamento, che contribuisce alla formazione delle nazionalità e di conseguenza aumenta le possibilità di sopravvivenza. Si ritiene che anche tali norme di comportamento come l'amore dei genitori siano conseguenze dell'evoluzione della moralità umana: questo tipo di comportamento aumenta il tasso di sopravvivenza della prole.

Gli studi sul cervello umano da parte dei sociobiologi determinano che le parti della corteccia cerebrale del soggetto coinvolte nel periodo di occupazione umana da problemi morali non formano un sottosistema cognitivo separato. Spesso, durante il periodo di risoluzione dei problemi morali, sono coinvolte le regioni del cervello che localizzano la rete neurale che sono responsabili delle idee del soggetto sulle intenzioni degli altri. È coinvolta anche la rete neurale, che è responsabile per l'individuo che rappresenta l'esperienza emotiva di altre personalità. Cioè, quando risolve i problemi morali, una persona usa quelle parti del suo cervello che corrispondono all'empatia e all'empatia, questo indica che la moralità mira a sviluppare la comprensione reciproca tra i soggetti (la capacità di un individuo di vedere le cose attraverso gli occhi di un altro soggetto, di comprendere i suoi sentimenti e le sue esperienze). Secondo la teoria della psicologia morale, la moralità in quanto tale si sviluppa e cambia nello stesso modo in cui si forma la personalità. Esistono diversi approcci per comprendere la formazione della moralità a livello personale:

- approccio cognitivo (Jean Piaget, Lorenz Kolberg ed Elliot Turiel) - la moralità nello sviluppo personale passa attraverso diverse fasi o aree costruttive;

- approccio biologico (Jonathan Heidt e Martin Hoffman) - la moralità è considerata sullo sfondo dello sviluppo della componente sociale o emotiva della psiche umana. Un approccio interessante allo sviluppo della dottrina della moralità come componente psicologica della personalità è l'approccio dello psicoanalista Sigmund Freud, che ha suggerito che la moralità si forma come conseguenza del desiderio del "super-io" di uscire dalla vergogna e dalla colpa.

Quali sono gli standard morali?

Il rispetto degli standard morali è il dovere morale del soggetto, la violazione di queste misure di comportamento è un sentimento di colpa morale.

Le norme di moralità nella società sono generalmente misure accettate del comportamento del soggetto che derivano dalla moralità stabilita. La totalità di queste norme costituisce un certo sistema di regole, che a tutti gli effetti differiscono dai sistemi normativi della società come: costumi, diritti ed etica.

Nelle prime fasi della formazione, gli standard morali erano direttamente associati alla religione, che prescrive agli standard morali il significato della rivelazione divina. Ogni religione ha in suo possesso un insieme di determinate norme morali (comandamenti) vincolanti per tutti i credenti. Il mancato rispetto delle norme morali prescritte nella religione è considerato una benedizione. In varie religioni del mondo, esiste un certo modello secondo gli standard morali: furto, omicidio, adulterio, falsità sono regole innegabili di comportamento per i credenti.

I ricercatori coinvolti nello studio della formazione di norme morali hanno avanzato diverse direzioni per comprendere il significato di queste norme nella società. Alcuni credono che il rispetto delle regole prescritte nella moralità sia una priorità sotto forma di altre norme. I seguaci di questa direzione, attribuendo alcune proprietà a questi standard morali: universalità, categoricità, immutabilità, crudeltà. La seconda direzione, studiata dagli scienziati, suggerisce che l'attribuzione dell'assolutismo, l'universalità e l'impegno per gli standard morali, agisce come una sorta di fanatismo .

Sotto forma di manifestazione, alcune norme morali nella società hanno somiglianze con le norme legali. Quindi il principio del "non rubare" è comune a entrambi i sistemi, ma chiedendo perché il soggetto segua questo principio, si può determinare la direzione del suo pensiero. Se il soggetto segue il principio perché ha paura della responsabilità legale, allora il suo atto è legale. Se il soggetto segue con sicurezza questo principio, poiché il furto è un atto cattivo (malvagio), il vettore della direzione del suo comportamento segue il sistema morale. Vi sono precedenti in cui il rispetto delle norme morali è contrario alla legge. Il soggetto, considerando il suo dovere, ad esempio, di rubare la medicina per salvare la persona amata dalla morte, si comporta moralmente bene, mentre infrange assolutamente la legge.

Esplorando la formazione di standard morali, gli scienziati hanno raggiunto una certa classificazione:

- norme che influenzano l'esistenza dell'individuo come essere biologico (omicidio);

- norme sull'indipendenza della materia;

- norme sui conflitti sociali;

- norme di fiducia (fedeltà, veridicità);

- norme relative alla dignità della materia (onestà, giustizia);

- norme sulla privacy ;

- norme su altri standard morali.

Funzioni morali

L'uomo è una creatura con libertà di scelta e ha tutto il diritto di scegliere la strada per seguire gli standard morali, o viceversa. Una tale scelta di una persona che mette il bene o il male sulla bilancia si chiama scelta morale. Avendo una tale libertà di scelta nella vita reale, il soggetto deve affrontare un compito difficile: seguire i bisogni personali o seguire ciecamente ciò che è dovuto. Dopo aver fatto una scelta per se stesso, il soggetto ha alcune conseguenze morali, di cui il soggetto stesso è responsabile, sia per la società che per se stesso.

Analizzando le caratteristiche della moralità, possiamo estrarre molte delle sue funzioni:

- Funzione di regolazione. Seguire i principi morali lascia un segno preciso nella coscienza dell'individuo. La formazione di determinati comportamenti (ciò che è permesso e ciò che non è permesso) avviene fin dalla tenera età. Questo tipo di azione aiuta il soggetto ad adeguare il proprio comportamento in linea con l'utilità non solo per se stesso, ma anche per la società. Le norme morali sono in grado di regolare le credenze individuali del soggetto allo stesso grado di interazione tra gruppi di persone, il che favorisce la conservazione della cultura e della stabilità.

- Funzione di valutazione. Le azioni e le situazioni che si verificano in una società sociale, la moralità, valuta l'aspetto del bene e del male. Le azioni che hanno avuto luogo vengono valutate per la loro utilità o negatività per un ulteriore sviluppo, per questo, dal lato morale, ogni azione viene valutata. Grazie a questa funzione, il soggetto forma il concetto di appartenenza alla società e sviluppa la propria posizione in essa.

- La funzione dell'educazione. Sotto l'influenza di questa funzione, una persona sviluppa una consapevolezza dell'importanza non solo dei suoi bisogni, ma anche dei bisogni delle persone che lo circondano. C'è un sentimento di empatia e rispetto, che contribuisce allo sviluppo armonico delle relazioni nella società, una comprensione degli ideali morali di un altro individuo, contribuisce a una migliore comprensione reciproca.

- Funzione di controllo. Determina il controllo dell'uso delle norme morali, nonché la condanna delle loro conseguenze a livello di società e individuo.

- Funzione di integrazione. Seguire gli standard morali unisce l'umanità in un unico gruppo, che sostiene la sopravvivenza dell'uomo come specie. Aiuta anche a mantenere l'integrità del mondo spirituale dell'individuo. Le funzioni chiave della moralità sono: valutative, educative e normative. Riflettono il significato sociale della moralità.

Moralità ed etica

Il termine etica deriva dalla parola greca ethos. L'uso di questa parola indicava le azioni o le azioni di una persona che era personalmente autorevole per se stesso. Aristotele ha definito il significato della parola ethos come la virtù del carattere del soggetto. Successivamente, è stato detto che la parola "ethicos" è etica, che significa qualcosa in relazione al temperamento o alla disposizione del soggetto. L'apparizione di tale definizione ha comportato la formazione di una scienza dell'etica - lo studio delle virtù del carattere della materia. Nella cultura dell'antico impero romano c'era la parola "moralis" - che definiva una vasta gamma di fenomeni umani. Più tardi apparve un derivato del termine "moralitas", riferito a costumi o carattere. Analizzando il contenuto etimologico di questi due termini ("moralitas" ed "ethicos"), va notato che i loro significati coincidono.

Molte persone sanno che concetti come "moralità" ed etica "hanno un significato stretto, poiché spesso sono considerati intercambiabili. Molte persone usano questi concetti come estensioni reciproche. L'etica, prima di tutto, è una tendenza filosofica che studia le questioni morali. Spesso l'espressione "etica" viene utilizzata per indicare specifici principi morali, tradizioni, costumi che esistono tra i soggetti di un gruppo limitato di società. Il sistema Kant considera la parola morale, usandola per indicare i concetti di dovere, principi di comportamento e obblighi. La parola "etica" usa il sistema di ragionamento di Aristotele per indicare la virtù, l'inseparabilità delle considerazioni morali e pratiche.

Il concetto di moralità come sistema di principi costituisce un insieme di regole basate su molti anni di pratica e consente a una persona di determinare lo stile di comportamento nella società. L'etica è una parte della filosofia e della giustificazione teorica di questi principi. Nel mondo moderno, il concetto di etica ha conservato la designazione originale come scienza nei ranghi della filosofia che studia le proprietà dell'uomo, i fenomeni reali, le regole e le norme, che sono le norme della moralità nella società.

Visualizzazioni: 145

Lascia un commento o fai una domanda a uno specialista

Una grande richiesta a tutti coloro che fanno domande: leggi prima l'intero ramo dei commenti, perché, molto probabilmente, in base alla tua o simile situazione, c'erano già domande e risposte corrispondenti di uno specialista. Le domande con un gran numero di errori ortografici e di altro tipo, senza spazi, segni di punteggiatura, ecc. Non saranno prese in considerazione! Se vuoi ricevere una risposta, prenditi la briga di scrivere correttamente.