emofobia

foto di emofobia L'emofobia o la paura del sangue è una paura incontrollata a livello di forti attacchi di panico che si verificano spontaneamente. Per la prima volta, l'emofobia, come il termine fu usato dallo psichiatra americano George Weinberg nel 1972. La paura della forma del sangue complica in modo significativo la vita di una persona e impedisce l'adattamento nella società.

L'emofobia è diffusa, ma poche vittime si rivolgono agli specialisti per chiedere aiuto. Spesso nella vita di tutti i giorni abbastanza spesso sentiamo "Ho paura di donare il sangue: da un dito, da una vena". Questo comportamento è dovuto a questa fobia.

L'emofobia era caratteristica dei nostri antenati, le paure residue rimanevano da quei tempi e sono la ragione della nostra "paura". Le persone con questa paura hanno spesso paura del pensiero dell'importante necessità di visitare un ospedale o sottoporsi a una varietà di procedure mediche. Le persone particolarmente spaventose sono la necessità di donare il sangue. L'emofobia copre uno stato interno di paura, causato da un presunto o reale incontro con il sangue.

Cause di emofobia (paura del sangue)

Le cause dell'emofobia sono psicologiche. In precedenza si credeva che questa paura avesse una predisposizione genetica, tuttavia, studi su gemelli identici hanno dimostrato che la causa principale della fobia è la società, così come gli eventi traumatici, ma non la genetica. Pertanto, in linea di principio, questo problema è risolto, è necessario solo trovare un buon psicoterapeuta.

L'emofobia è divisa in vari gruppi. Questa unità si basa sui motivi che causano una reazione negativa di una persona:

- paura di vedere il sangue di qualcun altro;

- paura di vedere il tuo sangue;

- paura di vedere il sangue negli animali, nei pesci, nelle persone;

- paura di vedere il sangue in generale.

Gli emofobi, conoscendo la loro paura, evitano i servizi della medicina tradizionale e la usano nel trattamento delle erbe, nella meditazione. Alcuni si rifiutano di usare la carne per il cibo e si trasformano nel tempo in vegetariani completi.

Perché l'emofobia ha paura? La causa potrebbe essere la presunta lesione, che rappresenta un pericolo per la vita e la salute, il timore di una ripetizione del precedente stato di malattia durante la somministrazione di sangue. La paura può derivare dall'infanzia, quando una madre rimproverava tagli per lesioni lievi.

La paura del sangue dovuta alla guerra è una delle vere ragioni di questa fobia, che spesso colpisce sia i bambini che gli adulti. Ciò è facilitato dai media trasmettendo apertamente i canali di notizie dalle zone di guerra, provocando così lo sviluppo di forme nascoste di fobie.

Spesso, lo stato di panico causato dall'emofobia è attribuito a una reazione dolorosa accompagnata dalla comparsa di sanguinamento, ma non dalla paura del sangue stesso. O spesso questo comportamento è attribuito allo stato di stress che si verifica quando altri vedono lesioni e lesioni. Vale la pena notare che la maggior parte delle persone affette da forme gravi di questa fobia, non avendo sanguinamenti nella vita ordinaria, riduce a zero la loro fonte di paure.

Sintomi di emofobia (paura del sangue)

L'emofobia si manifesta nella paura incontrollata a livello di attacchi di panico ed è caratterizzata dai seguenti sintomi: perdita di coscienza alla vista del sangue di qualcuno e di qualcun altro, pallore del viso, tremore, palpitazioni, difficoltà respiratorie, orrore negli occhi, salti della pressione sanguigna, tremore. Gli emofobi non tollerano e quindi hanno paura di tutti i tipi di vaccinazioni, superando i test (da un dito o da una vena).

I sintomi dell'emofobia si manifestano spesso in uno stato di panico, che si manifesta in modo imprevedibile, ed è un attacco di ansia a breve termine. Allo stesso tempo, l'emofobia si lamenta anche di altre spiacevoli sensazioni fisiche. Sorgono le seguenti sensazioni: sudorazione, tremore interno, soffocamento, brividi, disagio nella zona del torace, nausea, instabilità, vertigini, intorpidimento alle estremità, diminuzione della casualità del pensiero. A volte sembra all'emofobia che alla vista del sangue possano impazzire, quindi lo evitano a tutti i costi, ricevendo un comando di pericolo dal corpo.

Trattamento dell'emofobia

L'emofobia è attribuita a condizioni ossessive, che sono caratterizzate da una forte paura del tipo di sangue stesso, non solo in se stesso, ma anche in altre persone. Ne consegue che è necessario che una persona sviluppi resistenza al tipo di sangue.

L'emofobia, come una malattia grave, è rara. Spesso la fobia è rilevata da manifestazioni minori che devono essere affrontate con metodi psicoterapici. Spesso una persona esagera il grado di paura. Pertanto, è inappropriato parlare della necessità di un trattamento professionale dell'emofobia.

Come dare vita all'emofobia? È necessario inclinare la testa fino alle ginocchia, aumentando così la pressione sanguigna. Per superare attacchi di emofobia è anche possibile con l'aiuto di esercizi speciali per affrontare la paura del panico. Per fare questo, è necessario stringere i muscoli, mentre si muovono gli arti. Questo esercizio stimola la circolazione sanguigna e spinge anche a svenire.

In alcuni casi, è necessario cercare le cause dell'emofobia nei profondi cambiamenti nella psiche. Un esempio è la schizofrenia , la psicosi maniacale . In questo caso, l'emofobia deve essere attentamente studiata e consultata con specialisti. Se l'emofobia è espressa da paure evidenti: una persona non va fuori, rendendo la sua casa sicura (coltelli, rasoi, libri di carta, quaderni vengono ripuliti, angoli di mobili scheggiati), quindi in questo caso uno psichiatra non può fare a meno di curare la paura patologica incontrollata.

Visualizzazioni: 41 489 È vietato commentare e pubblicare link.

23 commenti su "Emofobia"

  1. Ciao, ho un atteggiamento normale nei confronti del sangue nei film, negli animali, anche quando mi taglio, non ci sono problemi, ho visto anche foto di scene del crimine più di una volta, ma recentemente sono venuto a dare il primo soccorso per strada, all'inizio tutto andava bene, non disgusto, non orrore e letteralmente dopo circa 5 minuti la testa girava rapidamente e quasi perdeva conoscenza, lo stesso problema con la donazione di sangue o le iniezioni. Cosa farne?

    • Ciao Nastya. Solo un metodo graduale di allenamento può superare l'emofobia. Nel tuo caso, ti consigliamo di non fornire il primo soccorso ad altre persone in modo da non doverti fornire assistenza.
      Dovresti prepararti in anticipo per le donazioni di sangue e le iniezioni, preparandoti per un risultato positivo della procedura: "Tutto andrà bene, tollererò adeguatamente le donazioni di sangue e le iniezioni, il mio respiro è uniforme e, con il potere della mia mente, attraggo emozioni positive". Ripetendo queste impostazioni verbali, puoi ottenere i risultati desiderati per sbarazzarti di questa fobia.

  2. Ho 16 anni. Quando vedo il sangue, mi sento male, inizia un forte ronzio nelle orecchie, si oscura nei miei occhi e perdo conoscenza ... Molto spesso questo accade :( È emofobia o cosa? Soffro di anemia, quindi ho pensato forse per questo, dimmelo per favore.

    • Diana, nel tuo caso, i sintomi dell'emofobia si intrecciano con l'anemia.
      Un calo della pressione arteriosa e venosa provoca un oscurità negli occhi e si perde conoscenza. Tratta l'anemia patologica di base e l'emofobia può essere affrontata da sola attraverso un atteggiamento psicologico.

  3. Non succede nulla quando vedi il sangue in un film. Ma alla vista di qualsiasi bruciore, taglio o almeno anche un livido sul corpo di un'altra persona, immediatamente sorgono il panico e una terribile sensazione di dolore addominale.

  4. Lavoro come cuoco, a volte posso farmi male alla mano con un coltello, se tutto va bene, mi sento bene, ma se mi taglia più forte, poi mi fa esplodere: mi fa male, mi fa buio negli occhi, mi chiude gli occhi e mi colpisce di lato, ansimando e ho paura del panico o qualcosa del genere, anche con la mente capisco che non è successo niente di terribile. Non capisco cosa c'è che non va in me. Non ci sono state situazioni stressanti in questo settore.

  5. Non ho mai notato una paura del sangue per me stesso fino a poco tempo fa. Ho iniziato le frittelle (con pietre sull'acqua) e ho lanciato una pietra senza successo, tagliando il dito. Non ho prestato immediatamente attenzione a questo, mi è sembrato di non aver graffiato molto, ma poi sento qualcosa che scorre dal mio dito. Ho guardato il sangue. Ha detto ai suoi amici che ho intenzione di lavare una ferita. E dopo 5 secondi sono iniziati tutti i sintomi del testo. Tutto negli occhi si oscurò, risuonò nelle orecchie, debolezza, e non c'era più niente da fare, solo per sdraiarsi per non cadere. Bene amici nelle vicinanze, aiutato. La cosa principale è che non ho così paura del sangue, ma a livello inconscio c'è una fobia.

  6. Ho molta paura quando mi prelevano sangue dappertutto e iniezioni, vaccinazioni, ecc. La mia testa inizia a girare, mi sento male e quando esco dall'ufficio sento tutti i suoni come se fossi nella foresta e mi si oscura gli occhi. Domani prenderanno da Vienna - ruggendo tutto il giorno. Ho 16 anni

    • Anastasia, avvisa il personale medico di non sentirsi bene prima di prendere il sangue. Questo ti aiuterà in modo tempestivo. A sua volta, dovresti anche aiutarti con un pensiero positivo: pensa al momento dell'analisi che ti dà gioia, ad esempio, sulla tua simpatia personale.

      • Mio figlio ha avvertito durante la donazione di sangue che potrebbe ammalarsi, e gli hanno ancora dato una provetta in un altro ufficio, quindi è sopravvissuto a malapena e l'ha gettata in sudore e brividi.

  7. Quando il sangue viene prelevato dal mio dito, la mia testa inizia a girare la testa, mi risuona così forte nelle orecchie che non sento alcun suono estraneo, si oscura nei miei occhi e non vedo nulla.

  8. Il mio problema è che io, non avendo paura della vista del mio stesso sangue, ho paura della vista di uno sconosciuto. Sta diventando molto brutto: vertigini, tremore degli arti, accelerazione del polso, voglio scappare da una vista sanguinante e reagire indolore al mio taglio o alle mie mestruazioni. Come essere

    • Maria, puoi allenare un atteggiamento calmo verso il tipo di sangue in un'altra persona aumentando l'allenamento: prima osserviamo le piccole dimensioni della ferita sanguinante, e alla fine ci sintonizziamo e guardiamo la ferita più grande, ecc.

  9. Grazie per il tuo aiuto, coloro che ti contattano ottengono davvero una risposta valida e completa alla tua domanda! Vorrei sapere se ospiti di persona ricevimenti? E poi, oltre alle risposte di Vedmesh N., non si sa nulla. Vorrei contattarti personalmente e penso anche a molti altri, e sarei soddisfatto.

    • Anatoly, il nostro sito fornisce assistenza di consulenza remota, personalmente non effettuiamo ricevimenti. Per una soluzione a tempo pieno al tuo problema, puoi iscriverti a uno specialista per telefono, disponibile sul sito.

  10. Non riesco nemmeno a sentire del sangue, non a vederlo. Quando qualcuno inizia a parlare di qualcosa legato alla fisiologia, comincio a provare un forte senso di ansia. Se vedo sanguinamento in libri, film - sfoglio, chiudo gli occhi. Potrei sopportare un impeto di paura, ma perdo conoscenza e mi sento completamente impotente, è molto deprimente. Ho paura di perdere conoscenza, è ancora più paura di perdere il controllo di me stesso. Devo andare da uno psicologo o posso liberarmi di questa fobia da solo?

    • Lisa, puoi liberarti dell'emofobia da solo. Molti studenti di istituti medici durante i loro studi scoprono questa fobia, ma alla fine dei loro studi scompare da loro. Ciò è spiegato dalla costante pratica e osservazione del fluido corporeo. Solo con il metodo di allenamento - prima guardiamo il nostro sangue (tagliamo un dito, prendiamo il sangue da un dito), poi un'altra persona - per esempio, aiutiamo un bambino dopo una caduta, curiamo una ferita e così ci abituiamo alla forma del sangue. Quando guardi un film con scene spiacevoli, pensa a quale colorante alimentare è stato usato per sostituire il sangue: succo di pomodoro o mirtillo rosso. Preparati al fatto che il cinema è solo un gioco e ti viene ingannato tramandando un sostituto del sangue.

  11. Non ho paura della vena, ma dal mio dito è un intero incubo (la mia testa gira, le mie gambe si fanno male, mi sento male! Posso vedere poco sangue, quando vedo molta perdita di sangue o una frattura aperta, diventa cattivo, la mia testa gira, Dio, quanto è difficile vivere con un tale disturbo (Sono un ragazzo adulto, Ho 30 anni, è già un padre .. Posso fare qualcosa al riguardo ??? O è tutto ..

    • Anton, ti consigliamo di sviluppare l'abitudine dell'oggetto della tua paura, perché nausea, vertigini di solito si verificano quando il sangue viene prelevato da una vena e non da un dito. Quindi il tuo problema ha una causa psicologica di origine. Con il contatto ripetuto con l'oggetto della tua paura (sangue) e il giusto atteggiamento nella tua mente, otterrai una comprensione del fatto che non accade nulla di brutto quando vedi un fluido fisiologico.
      La paura del sangue viene facilmente eliminata attraverso la meditazione. Per qualche tempo, la costante ripetizione di certe parole influenzerà il subconscio e il conscio. Ispirati: "Sono forte e degno di sopportare la consegna di sangue dal mio dito, il mio respiro sarà uniforme e le emozioni inutili saranno disabilitate".

      • Grazie Vedmesh N.A. Lo proverò sicuramente, fin dall'infanzia è stato così, la cosa principale nella nostra famiglia sono 3 fratelli, e solo perdo conoscenza quando vedo il sangue, anche se mi vergogno dei miei parenti. Proverò il tuo consiglio, credo che funzionerà)

  12. Ho una fobia molto strana, come il sangue, non ho paura né del mio né di qualcun altro, niente animali, pesci e così via, ma quando mia madre mi dice che è ora di andare a donare sangue o dare a Mantoux le vaccinazioni. Non importa quando mi prelevano il sangue, anche se non lo guardo, inizia a incresparsi negli occhi, mi fa male, e poi vomito e voglio davvero usare il bagno. Non so di cosa si tratta? Questo accade tutto il tempo in cui il sangue viene prelevato dopo Mantoux o la vaccinazione. Questo è generalmente divertente, e inoltre, quando mi dicono che devo andare in ospedale, non ho paura di farlo, ma al contrario voglio andare lì, pensando che supererò la mia fobia, ma non capisco che tipo di fobia sia! !!! anche se ho 11 anni, non sono piccolo per aver paura di questo !!! Dimmi, cos'è questa fobia ?????

    • Daria, le cause della tua condizione - nausea, vomito sono problemi psicologici provocati dalla paura imminente di iniezioni e dolore da loro. La paura del dolore si chiama algofobia, la paura delle iniezioni e degli aghi - tripanofobia.