foto di psichiatria e psicologia Psicologia e psichiatria concordavano su un oggetto di studio comune: questa è la psiche, ma hanno separato i prerequisiti storici nel determinare l'obiettivo. La psicologia e la psichiatria hanno differenze significative, ma credono erroneamente che gli psichiatri si occupino solo dei malati, e gli psicologi sono interessati solo a persone mentalmente sane. Recentemente, gli psicologi sono stati assistenti attivi per i medici nella conduzione della psicoterapia, nonché nello studio del trattamento dello stato mentale di una persona. In altre parole, la psicologia moderna si avvicinava il più possibile all'attività pratica dei medici. Alcuni psichiatri sono contrari alla cooperazione con gli psicologi, mentre altri ritengono che sia difficile combinare la psicoterapia senza associazione con gli psicologi.

La psicologia si riferisce alla scienza che studia i modelli di sviluppo, così come il funzionamento della psiche umana. In particolare, lo psicologo si trova di fronte al compito di comunicare al cliente la necessità di ascoltare lo stato interiore, di comprendere l'essenza del problema e di prendere autonomamente la decisione migliore per uscire dalla situazione attuale.

La psichiatria, tuttavia, appartiene al ramo della medicina clinica, nel campo di studio di cui cadono i disturbi mentali. La psichiatria è impegnata nel trattamento, nella fornitura di cure preventive ai pazienti, incluso, se necessario, l'isolamento di persone con disturbi mentali che violano le norme sociali e hanno deviazioni comportamentali.

La nascita di queste scienze insegna per il XIX secolo, ma i medici hanno da tempo tentato di curare malattie mentali e gli psicologi hanno indagato sull'anima umana. Ciò significa che psicologi e medici si sono mossi in parallelo, perseguendo obiettivi diversi.

La psichiatria al primo passo ha proposto un obiettivo utilitario - per curare una malattia mentale, e già la comprensione teorica è stata effettuata lungo la strada. La psicologia voleva conoscere l'essenza del fenomeno della psiche umana, senza preoccuparsi affatto dell'applicazione pratica dei suoi presupposti.

Foto di Sigmund Freud

Sigmund Freud

I due campi scientifici di psichiatria e psicologia si sono riuniti solo grazie a Sigmund Freud. Riuscì a combinare armoniosamente la pratica della psichiatria medica, così come la psicologia filosofico-astratta in un tutto unico. Il risultato di questa fusione ha dato una nuova sezione - la psicoanalisi. Il termine psicoanalisi cominciò ad avere due significati non identici. La psicoanalisi ha funzionato come una tecnica di trattamento e come una scienza che studia la psiche umana.

Sigmund Freud fu uno dei primi ad ammettere che la psiche è peculiare non solo per le persone malate di mente, ma anche per tutti gli individui praticamente sani. La psiche è una manifestazione di tutta la vita, e non un segno di patologia. Nessuno ha iniziato a contestare questa verità, perché inconsciamente scienziati, medici, persone sane non pensano allo psichico, perché evoca associazioni spiacevoli. Un fatto interessante è che Freud attribuì la sua teoria alla psicologia profonda e non fu mai chiamato psichiatra, sebbene avesse un'educazione medica. La scoperta della tecnica della psicoanalisi è stata realizzata attraverso le scoperte fondamentali di Freud. In primo luogo, ha mostrato interesse per entrambi i sintomi e tutti i pensieri riferiti dai pazienti. In secondo luogo, ha iniziato a creare una teoria psicoanalitica basata sullo studio delle malattie nervose, nonché sulla base delle manifestazioni dei normali detti della psiche umana: arguzia, riserve, oblio, azioni errate, sogni. Il merito principale di Freud è che ascoltò i suoi pazienti e suggerì la possibilità dell'esistenza di leggi generali sul funzionamento della psiche per gli ammalati e per le persone sane.

Psicologia e psichiatria sono in debito con Sigmund Freud per l'organizzazione della prima Scuola di Psicoterapia di Vienna.

Foto di Alfred Adler

Alfred Adler

La seconda scuola di Vienna era la "psicologia individuale" di Adler. Alfred Adler è il fondatore della psicologia individuale, che studia una persona in profondità, accertando l'atteggiamento dell'individuo rispetto agli obiettivi sociali stabiliti. Alfred Adler riteneva che per le persone la cosa più difficile fosse capire e anche cambiare te stesso. Vi sono quattro principi base della scuola Adler: l'unità dello stile di vita individuale, l'integrità, l'interesse sociale e l'importanza del comportamento orientato agli obiettivi. La conclusione di Adler che le aspettative, gli obiettivi hanno la più grande influenza sul comportamento umano rispetto alle impressioni del passato è stata la ragione principale della divergenza con Freud. Adler credeva che le persone fossero guidate, soprattutto, dall'obiettivo di raggiungere l'eccellenza e il desiderio di conquistare l'ambiente. Ha notato l'effetto dell'impatto sociale sulla personalità stessa, data l'importanza dell'interesse sociale di una persona: la cooperazione, il senso di comunità e la preoccupazione per gli altri. La vita secondo Adler è un progresso verso il successo dell'adattamento, una maggiore cooperazione e anche l'altruismo. Adler è stato il primo a praticare la psicoterapia familiare, ei suoi seguaci hanno già dato un contributo significativo alla psicoterapia di gruppo, così come la psicoterapia a breve termine e l'uso della psicologia nell'educazione.

Cos'è la psicoterapia? Questa area rappresenta un sistema di effetti terapeutici sulla psiche, così come attraverso la psiche su tutto il corpo umano. La psicoterapia è determinata da attività volte a liberare una persona dai vari problemi (sociale, emotivo, personale) e viene effettuata da uno specialista dopo aver stabilito un contatto personale profondo con un paziente attraverso conversazioni, discussioni, usando varie tecniche e tecniche.

Foto di Karl Gustav Jung

Karl Gustav Jung

Un certo ruolo originario in psicologia e psichiatria fu lasciato da Karl Gustav Jung - uno psichiatra svizzero, il fondatore della direzione della psicologia analitica approfondita. Il compito della psicologia analitica è l'interpretazione di immagini archetipiche che si verificano nei pazienti. Il lavoro di Jung sulla psichiatria, in questo caso sui disturbi schizofrenici nel pensiero, ha segnato l'inizio di una collaborazione con Freud. La loro collaborazione è durata cinque anni. Dopo la pubblicazione delle pubblicazioni di "Psychology of the Unconscious" nel 1912, molte idee di Freud furono confutate, e quindi lasciò il suo incarico di presidente della International Psychoanalytic Society. Il 1921 fu caratterizzato dal rilascio dell'opera Psychological Types, in cui Jung divideva le persone in estroversi e introversi e presentava al mondo la sua teoria degli archetipi. Con le sue idee, Jung influenzò lo sviluppo non solo della psichiatria e della psicologia, ma anche di altre scienze: antropologia, studi culturali ed etnologia.

Foto di Viktor Frankl

Victor Frankl

L'apertura della terza Scuola di psicoterapia di Vienna appartiene a Victor Frankl. Questo è un famoso psichiatra e psicologo austriaco. Per diversi anni fu un membro attivo della società di psicologia individuale, ma nel 1927 dovette lasciarlo, perché il percorso del giovane Frankl era pieno di discorsi critici sulla "psicologia individuale", e tutte le opere successive saranno imbevute di un rifiuto delle idee di Freud e Adler. La psichiatria clinica diventa la principale occupazione di Frankl, che in seguito porterà alla creazione del concetto di logoterapia, oltre che all'analisi esistenziale. La teoria consolidata della logoterapia e dell'analisi esistenziale è un sistema di opinioni psicologiche, filosofiche e mediche sulla natura e la natura dell'uomo, così come i meccanismi di sviluppo nella patologia normale e personale con conseguente correzione delle anomalie. L'idea principale del concetto: la forza trainante del comportamento umano è il desiderio di trovare, e anche di realizzare il loro unico significato di vita. Quante tragedie avrebbero potuto essere evitate (tossicodipendenza, suicidi, alcolismo, criminalità dilagante) se le persone non avessero limiti nelle loro possibilità (oggettive, esterne, interne, personali). Il vuoto esistenziale sfidava sia la psichiatria che la psicologia, e lo stato, che separava le persone dalla responsabilità di trovare e realizzare il significato unico della vita. E grazie alle sue opere e pubblicazioni, Frankl fu l'ispirazione per il lavoro dei rappresentanti della psicologia umanistica.